Misure in campo di portate e temperature

L'importanza del controllo di efficienza energetica, per singole macchine o impianti complessi, di generazione, trasformazione, recupero e distribuzione, viene esaltata dalle moderne risorse tecnologiche messe a disposizione dalla strumentazione elettronica intelligente (smart).

I tipici primari di misura utilizzati per la raccolta dati istantanea delle variabili utili al calcolo, sono rappresentati dai tubi Pitot mediati, con i nostri modelli PITOBAR per le portate e i sensori a termoresistenza per le temperature.

In funzione della natura del fluido misurato, con l'inserimento di un trasmettitore di pressione differenziale, è semplice seguirne le variazioni di densità in funzione di pressione statica e temperatura.

Misurare le principali grandezze termodinamiche in tempo reale

Compito del calcolatore è di elaborare con aggiornamento continuo, i valori di energia interna, entalpia, entropia, energia libera o di Gibbs, energia meccanica o di Helmholtz, rendimento, potenza termica, e altro scegliendo le più opportune unità di misura.

PPC_FLOWSAT_TD moderni calcolatori di flusso per applicazioni termodinamiche Il calcolatore è di solito ospitato all'interno di un Personal Computer con pannello operatore, come nella nostra famiglia di moderni flow computer PPC_FLOWSAT_TD dotati di registri di ingresso configurabili per allacciarsi a sensori di acquisizione variabile analogico/digitali.

Un database aggiornato contiene l'archivio delle proprietà caratteristiche del fluido in esame funzione del suo stato, utilizzabile nei calcoli energetici. Lo sviluppo degli algoritmi più adatti ci consente di ottimizzare sensibilità e accuratezza.

Sono disponibili diverse tipologie di uscite per dati ritrasmessi in formato analogico o digitale, rispettivamente per le letture a distanza o lo scarico dei dati registrati dalla memoria interna del calcolatore stesso.
Schede opzionali estendono l'utilizzo dei nostri PPC_FLOWSAT_TD come stazioni di monitoraggio energia termica o contabilizzatori autonomi dotati di telerilevamento gps e collegamento come web server in internet.

Primari quadratici per un profilo di flusso isocinetico e isoentropico

Nelle misure di portata per fluidi compressibili e inviscidi in regime subsonico specie di fronte a medie e alte temperature, si preferisce utilizzare un elemento primario affidabile, che realizzi un'ottima definizione rispetto al profilo di velocità media sulla sezione trasversale rispetto alla direzione del moto.

In questa situazione, scegliendo primari quadratici quali i PITOBAR, l'unico parametro necessario alla identificazione del volume di controllo utile alle misurazioni resta l'area equivalente. La determinazione di quest'area è facilitata nel caso di superfici a geometria conosciuta, oppure viene desunta per riferimento con strumentazione di taratura.

La scelta alternativa di primari Venturimetrici in serie quali i PRIOR é privilegiata invece nel caso di applicazioni in condotte o canali a geometria definita, estendendo l'applicazione a più ampie variazioni dei numeri di Reynold e densità di fasi diverse per tipologie di fluidi anche disomogenei.

valutazione elementi primari di flusso


Profilo temperature

Più ostica invece risulta una precisa definizione del profilo di temperatura proprio della sezione di misura utilizzando classici sensori di temperatura a misura puntuale, specie in presenza di flussi turbolenti, scarsamente miscelati.

Si ricorre, nella pratica, a griglie o matrici di sensori opportunamente allineati lungo determinate direzioni di flusso e locazioni, specie in prossimità di ostacoli, deviazioni, restringimenti, intercettazioni e simili.

Pubblicato in: Valutazione tecnologie e strumenti

Ultimi articoli